Il Territorio

FARE. OSTINARSI.

Il terreno su cui nascono le viti ha un’importanza fondamentale per il risultato che voglio ottenere.
La densità per gli impianti più vecchi è di 4200 piante/ettaro, per quelli più recenti 5800 piante/ettaro.
Niente diserbanti o disseccanti, solo concimi organici: l’impatto ambientale dei trattamenti è minimo.


I VIGNETI,
14 ETTARI INERBITI,
A 150 METRI DI ALTITUDINE.

Sfogliature, diradamenti, vendemmia e potatura secca sono esclusivamente manuali. L’uva vendemmiata, da circa metà settembre al 20 ottobre, è posta in cassette da 4 kg o in plateau da 80 x 120 cm. Le rese x ceppo variano da cultivar a cultivar: dai 600g ai 2kg, rese per ettaro pari a 30-50 quintali”.